Barbara Albert

Böse Zellen

Radicali liberi [t.l.]

Austria, Germania, Svizzera • 2003 • 120’ • col.
interpreti
Kathrin Resetarits (Manu), Ursula Strauss (Andrea), Georg Friedrich (Andreas), Marion Mitterhammer (Gerlinde), Martin Brambach (Reini), Rupert L. Lehofer (Lukas), Bellinda Akwa-Asare (Sandra)
Un aereo proveniente da Rio de Janeiro precipita. Manu, una cittadina austriaca, è fra i pochi sopravvissuti. Sei anni dopo, la donna è sposata con Andreas, un produttore cinematografico, è felice e ha una figlia di nome Yvonne. Dopo aver passato una serata in discoteca con un'amica, resta però uccisa in un incidente stradale. L'anno seguente, ritroviamo Yvonne, suo marito, la sua migliore amica che ha avuto una relazione con lui, sua sorella che cerca rifugio in un'avventura sessuale dietro l'altra, suo fratello e la sua esitante amicizia con un farmacista, la madre di quest'ultimo che vive sola, una studentessa liceale infelice e il ragazzo con cui questa potrebbe mettersi insieme. Dietro all'intrecciarsi di queste storie c'è uno schema? Nella vita c'è un significato?