Cinema d'animazione

Chintis Lundgren

BFM conferma il suo interesse verso il cinema d’animazione proponendo al pubblico italiano la personale completa della giovane e prolifica autrice estone Chintis Lundgren.

«Sono una regista di animazione indipendente, originaria dell’Estonia ma al momento residente in Croazia.
Solitamente disegnavo solo piccoli film assurdi sugli uccelli ma ultimamente ho iniziato ad avere un certo interesse anche per il nonsense dei semplici animali della foresta...»
Chintis Lundgren

Il focus di quest’anno si sposta in Estonia, sin dal dopoguerra terra fertile per il cinema d’animazione e fucina di autori che hanno fatto scuola in tutta Europa. Protagonista della personale è Chintis Lundgren, nata a Tallin nel 1981 ed ora residente a Pula, in Croazia, dove, nel 2014, insieme al produttore Draško Ivezić, ha fondato l’Adriatic Animation Studio.

Dopo una carriera come pittrice, nel 2008 Chintis Lundgren abbandona la tela e i colori ad olio e scopre il cinema d’animazione, creando una propria casa di produzione, il Chintis Lundgreni Animatsioonistuudio. Si distingue molto presto con i suoi film popolati da animali antropomorfi, disegnati su carta: uccellini, gatti, volpi, topolini che bevono assenzio, fumano, suonano e cantano, in un’irriverente e canzonatoria parodia della stupidità e delle debolezze umane.

Il suo ultimo cortometraggio, Life With Herman H. Rott, del 2015, storia di un topo punk che sposa un gatto borghese, è stato ad oltre 60 festival, da Annecy a Calgary, raccogliendo numerosi premi. Ad oggi, Chintis Lundgren ha realizzato più di quaranta cortometraggi, molti dei quali a tema “ornitologico”, compresi alcuni spot pubblicitari e film su commissione, tra cui il celebre Why Do Cats Act So Weird? (2016), prodotto per la piattaforma educational Ted-Ed, che su YouTube ha avuto più di 2 milioni e mezzo di visualizzazioni.

La volpe Manivald è invece al centro dei suoi due nuovi progetti: Manivald and the Absinthe Rabbits, una web/tv serie in fase di sviluppo che vede come protagonisti una volpe gay, dei conigli ubriachi e un riccio appassionato di travestitismo, e il cortometraggio Manivald, attualmente in produzione – grazie anche al supporto del National Film Board of Canada - storia di un bizzarro triangolo amoroso che ben presto sfuggirà di mano ai protagonisti.

Chintis Lundgren sarà ospite di Bergamo Film Meeting dal 13 al 17 marzo 2017.

La regista sarà protagonista di una masterclass mercoledì 15 marzo alle ore 16.00, presso la GAMeC Galleria d'Arte Moderna e Contemporanea di Bergamo.
Una carrellata di cortometraggi condurrà nel mondo surreale e immaginativo che contraddistingue le sue produzioni. Durante la masterclass l’autrice presenterà i propri lavori, raccontando il dietro le quinte delle varie fasi della produzione di un cartone animato.
L’incontro si svolgerà in inglese con traduzione in italiano,  è a numero chiuso e il costo è di 10 euro.
Target: dai 16 anni, massimo 20 partecipanti.
Info e iscrizioni: formazione@bergamofilmmeeting.it

Mercoledì 25 gennaio alle ore 17.30 e alle 20.30, presso il cinema Nuovo Eden di Brescia, in occasione di “Cartoni animati in corsia al cinema!”, iniziativa organizzata dall’Associazione Avisco, Bergamo Film Meeting presenterà in anteprima il cortometraggio di Chintis Lundgren Jäälind (Kingfisher - Martin pescatore [t.l.]). Il film racconta di un giovane martin pescatore, che cacciato dal nido deve iniziare la sua vita senza i genitori: un passo, questo, che si rivela essere molto difficile.

 

La retrospettiva dedicata a Chintis Lundgren è realizzata grazie al sostegno di SIAE – Società Italiana degli Autori ed Editori.


 

In collaborazione con ASIFA.