sabato 16 marzo, Auditorium di Piazza Libertà

Želimir Žilnik

Rani Radovi

Prime opere

Jugoslavia, Serbia • 1969 • 87 min. • bn
interpreti
Marko Nikolić (Dragisa), Čedomir Radović (Kruno), Bogdan Tirnanić (Marko), Milja Vujanović (Jugoslava)
Ispirati dagli eventi del ’68 e alle riflessioni di Karl Marx, quattro studenti jugoslavi viaggiano nei villaggi rurali rivolgendosi direttamente ai contadini e agli operai. Il loro obiettivo è quello di risvegliare la loro coscienza di classe. Dovranno rendersi conto, però, che le condizioni di vita dei braccianti li hanno ridotti a una condizione primitiva e senza morale: così, Jugoslava (l’unica ragazza del gruppo) verrà sacrificata, a eterna testimonianza del loro progetto.