À nous la liberté

Archivio
Archivio
A me la libertà
Directed by René ClairItalian title: A me la libertà
France / 1931 / 97'
Cast
Raymond Cordy (Louis), Henri Marchand (Emile), Rolla France (Jeanne), Paul Olivier (Paul Imaque, lo zio di Jeanne), Jacques Shelly (Paul), André Michaud (il caporeparto), Germaine Aussey

Gli amici Emile e Louis stanno scontando una pena detentiva. La vita in prigione non è granché divertente, divisa com’è fra la severa disciplina del luogo e il lavoro loro affidato (l’assemblaggio e pittura di cavallucci di legno). Per cui, quando si presenta loro l’occasione, i due non esitano a tentare la fuga. Il tentativo riesce solo in parte: scoperti dalle guardie, Emile attira su di sè l’attenzione, facendosi riprendere, per coprire la fuga a Louis. Il tempo passa. Mentre Emile finisce di scontare la sua pena, Louis riesce a rifarsi una vita, prima come venditore ambulante, quindi aprendo un negozio di fonografi. All’uscita dal carcere, Emile gironzola per un po’, si invaghisce di una bella ragazza e, per avere occasione di frequentarla, si fa assumere presso l’industria discografica dove questa lavora. Nel suo nuovo posto di lavoro, grande è la sua sorpresa nello scoprire che il proprietario altri non è che l’amico Louis. Per il quale, tuttavia, la vita non è rose e fiori. Tradito dalla moglie, circondato da amici interessati, ricattato da ex-compagni di carcere che l’hanno riconosciuto, Louis medita da tempo la fuga, non prima, però di aver dato una radicale ristrutturazione alla sua industria. Il giorno dell’inaugurazione del rinnovato stabilimento, un colpo di vento fa piovere una gran quantità di banconote finite per una serie di rocambolesche ragioni sul tetto. Il parapiglia che ne segue permette ai due amici di fuggire. Dopo aver osservato i frutti della ristrutturazione (la fabbrica, automatizzata, permette agli operai di godersi le gioie del tempo libero), e non senza una vaga punta di rimpianto presto fugata (per Emile, la ragazza di cui si era invaghito, ma che ama un altro; per Louis, gli agi della vita borghese), i due amici riprendono la vita spensierata da vagabondi.

Think big!

Be part of the development, preservation and diffusion of cinematic culture and to share the mission of the Festival, meant at giving visibility to new authors and to emerging cinematic cultures, and at rediscovering great cinema from the past. Support an important cultural gathering but also the main reason to bring all cinema enthusiasts together, creating opportunities for debate, fun and sharing.
Your help can be crucial: together we can do more!