I cani lenti

Archivio
Archivio
Regia di Franco Vaccari
Italia / 1971 / 8'38''

La videocamera riprende in slowmotion alcuni cani randagi nelle strade, i cui andamenti vengono fatti coincidere al sonoro tratto dai Pink Floyd. L’atto di seguire e riprendere i cani evidenzia le differenti reazioni degli animali a contatto con la telecamera, dimostrando come l’osservazione perturbi il soggetto in maniera differente a seconda della loro indole. Il video è un’anticipazione della teoria dell’inconscio tecnologico, secondo il quale «lo strumento è dotato di un’autonoma capacità di organizzazione dell’immagine in forme che sono già strutturate simbolicamente, indipendentemente dall’intervento del soggetto». L’occhio meccanico (la telecamera) si svincola dall’autoreferenzialità dell’artista e diventa strumento in grado di produrre autonomamente, favorendo reazioni e comportamenti (come ad esempio l’abbaiare di un cane), senza l’influenza del soggetto che la manovra.

Immagina in grande!

Partecipa alla realizzazione di una delle più importanti manifestazioni cinematografiche italiane ed europee. Promuovi le attività dell’associazione nel corso dell’anno: proiezioni, rassegne, eventi, laboratori, workshop, percorsi di visione, incontri. Sostieni l’Associazione che porta il cinema internazionale a Bergamo e Bergamo in Europa.
Il tuo aiuto può essere fondamentale: insieme possiamo fare di più!