La mia droga si chiama Julie
di François Truffaut

Attività
Attività
La sirène du Mississippi
13 dicembre
2021
21.00
Regia di François TruffautTitolo italiano: La mia droga si chiama Julie
Francia, Italia / 1969 / 122'v. o. / Sottotitoli: Italiano
Interpreti
Jean-Paul Belmondo, Catherine Deneuve, Nelly Borgeaud, Martine Ferrière, Marcel Berbert

Louis Mahé, proprietario di una fabbrica di sigarette all’isola della Réunion, ha sposato Julie Roussel per corrispondenza. Un giorno la ragazza sparisce con tutti i suoi soldi: si scopre che non si chiama Julie ma Marion, che è un’avventuriera e che, con l’aiuto di un complice, si è sostituita alla vera Julie. Louis parte per la Francia deciso a vendicarsi e incarica Comolli, un investigatore privato, di rintracciare la donna.

Truffaut e il noir americano

Un labirinto di ambiguità, un senso crescente di smarrimento, la presenza di un destino già segnato che si percepisce in volti, cose, ambienti.
Il termine noir fu coniato dalla critica francese intorno alla metà degli anni ’50, a ridosso di quella che è unanimemente chiamata la nouvelle vague, e che alle origini ha avuto come corifei François Truffaut, Jean-Luc Godard, Jacques Rivette, Claude Chabrol e Éric Rohmer. Quella di Truffaut, che qui viene proposta con tre film, è una rivisitazione, in salsa francese e contemporanea, di alcuni “passaggi” del cinema noir. Il confronto è con altri tre film americani, due dei quali portano la firma di Billy Wilder e Fritz Lang.

Immagina in grande!

Partecipa alla realizzazione di una delle più importanti manifestazioni cinematografiche italiane ed europee. Promuovi le attività dell’associazione nel corso dell’anno: proiezioni, rassegne, eventi, laboratori, workshop, percorsi di visione, incontri. Sostieni l’Associazione che porta il cinema internazionale a Bergamo e Bergamo in Europa.
Il tuo aiuto può essere fondamentale: insieme possiamo fare di più!