Parwareshgah

BFM — 38
BFM — 38
The Orphanage
02 marzo
2024
08.51
Location
14 marzo
2020
09.30
Regia di Shahrbanoo SadatTitolo italiano: L'orfanotrofio [t.l.]
Danimarca, Germania, Afghanistan, Francia, Lussemburgo, Qatar / 2019 / 90 min.
Colore / V.O.
Interpreti
Qodratollah Qadiri, Sediqa Rasuli, Hasibullah Rasooli , Ahmad Fayaz Omani

Alla fine degli anni Ottanta, il quindicenne Qodrat vive nelle strade di Kabul e vende biglietti per il cinema sul mercato nero. È un grande fan di Bollywood e sogna a occhi aperti alcune scene dei suoi film preferiti. Un giorno la polizia lo conduce nell’orfanotrofio sovietico, ma a Kabul la situazione politica sta cambiando e Qodrat e tutti i bambini vogliono difendere la loro casa.

Note

Presentazione con la regista + Q&A

Shahrbanoo Sadat –– (Teheran, Iran, 1990) è una sceneggiatrice e regista afgana, con base a Kabul, dove ha studiato all’Atelier Varan. Il suo primo lungometraggio, Wolf and Sheep, è stato sviluppato durante la Cannes Cinéfondation Residence nel 2010. La regista, all’epoca ventenne, è stata la più giovane mai selezionata. Il film ha vinto il premio principale alla Quinzaine des réalisateurs 2016. Il suo secondo lungometraggio, The Orphanage, è anche la seconda parte di una pentalogia, cinque film basati su un’autobiografia inedita. È stato presentato in anteprima alla Quinzaine des réalisateurs.

«Quando parlo di Anwar intendo Anwar Hashimi, i cui diari hanno ispirato le storie. E Qodrat, il suo giovane protagonista, è Anwar nella realtà. E Sediqa, la ragazza, sono io, più o meno. In realtà, ci sono diciotto anni di differenza tra me e Anwar, ma veniamo davvero dallo stesso villaggio. In Wolf and Sheep ho ridotto la differenza, rendendoci quasi della stessa età. È possibile vedere sia Qodrat che Sediqa in The Orphanage. Per quanto poco sviluppati come soggetti, sono rimasti molto simili al primo capitolo, non solo gli attori ma soprattutto i personaggi.
[…] Molte vicende che potranno sembrare più strane della finzione, ma che sono accadute realmente e che fanno parte della storia dell’Afghanistan, sono viste da una prospettiva unica. È una pellicola poetica e politica, ma anche onesta e semplice. Anwar, come dirà direttamente lui in prima persona, non è uno scrittore, né proveniente dal mondo dello spettacolo o un attore, anzi odiava rivedersi sul grande schermo. Tuttavia, il modo in cui descrive la sua vita e il suo paese è esattamente il modo attraverso cui volevo impormi come regista. La mia esperienza unita alla sua.»

Filmografia essenziale

Parwareshghah (The Orphanage, 2019)

Wolf and Sheep (2016)

Who Wants to be the Wolf (short, 2014)

Not at Home (short, 2013)

Yeke Varune (Vice Versa, short, 2010)

A Smile for Life (short, 2009)

Tutti i film BFM 38

Immagina in grande!

Partecipa alla realizzazione di una delle più importanti manifestazioni cinematografiche italiane ed europee. Promuovi le attività dell’associazione nel corso dell’anno: proiezioni, rassegne, eventi, laboratori, workshop, percorsi di visione, incontri. Sostieni l’Associazione che porta il cinema internazionale a Bergamo e Bergamo in Europa.
Il tuo aiuto può essere fondamentale: insieme possiamo fare di più!