The Apartment

Archivio
Archivio
L'appartamento
Regia di Billy WilderTitolo italiano: L'appartamento
USA / 1960 / 120'
Interpreti
Jack Lemmon (Calvin Clifford Baxter, detto "Bud"), Shirley MacLaine (Fran Kubelik), Fred MacMurray (Jeff D. Sheldrake), Ray Walston (Joe Dobisch), Jack Kruschen (il dottor Dreyfuss), Na

Calvin Clifford Baxter, soprannominato dai suoi colleghi “Bud”, è un impiegato modello, serio, preciso e coscienzioso, che lavora presso una grande compagnia di assicurazioni di New York. Una delle sue doti principali, che in verità esula un po’ dalle sue competenze, ma è molto apprezzata dai suoi superiori, è di essere scapolo e di disporre di un appartamento, del quale i medesimi chiedono spesso la chiave per potervi intrattenere le loro avventure extraconiugali. In cambio, Baxter si ritrova non solo un raffreddore cronico per le notti passate all’addiaccio, ma anche qualche prospettiva di avanzamento di carriera. Quando questa prospettiva sembra materializzarsi, Baxter trova il coraggio di invitare a cena e a teatro Fran Kubelik, la graziosa ascensorista di cui è innamorato. Questa accetta per il teatro, ma declina la cena. In effetti, Fran è impegnata, per quella sera, in un rendez-vous con Sheldrake, uno dei dirigenti della compagnia, senza neanche farlo apposta proprio nell’appartamento di Baxter. Sheldrake, per tranquillizzare la ragazza, le promette che lascerà la moglie, e la convince a passare l’intera serata con lui. Baxter, che ha aspettato invano davanti al teatro, torna nella sua casa ormai vuota e vi ritrova uno specchietto rotto, dimenticato da Fran. Ignaro dell’identità della proprietaria, l’indomani lo riconsegna a Sheldrake. Qualche giorno dopo, alla festa di Natale in ufficio, si accorge che lo specchietto è della donna amata. Amareggiato dalla scoperta, passa la serata fuori a ubriacarsi, mentre a casa sua Fran e Sheldrake stanno avendo un altro incontro. L’uomo tratta bruscamente la donna, quindi la lascia, non senza averla umiliata con una gaffe atroce (non avendo pensato a un regalo per lei, le passa un biglietto da cento dollari). Rimasta sola nell’appartamento, Fran inghiotte un intero flaccone di barbiturici. Al suo ritorno, Baxter la trova già priva di conoscenza, ma ancora viva. Chiede l’aiuto di un vicino medico, il dottor Dreyfuss, che la rianima e, pur credendo che la causa del gesto sia lo stesso Baxter, accetta di tacitare la cosa. La ragazza, ormai perfettamente ripresasi dopo le amorevoli cure di Baxter, viene riportata a casa dal cognato il quale, credendolo pure lui il “seduttore”, lo gratifica con un cazzotto in faccia. Al ritorno in ufficio dopo le feste natalizie, Baxter si ritrova promosso nientemeno che ad assistente di Sheldrake. Questi gli annuncia che la moglie, la quale è venuta a conoscenza della sua relazione con Fran, gli ha concesso il divorzio, ma rivela anche che, per il momento, non intende prendere nessun impegno con la ragazza, preferendo “prendersi un po’ di svago”. Chiede quindi a Baxter la chiave per poter passare la notte di Capodanno con Fran. Baxter, che ha deciso di seguire il consiglio del vicino di casa e di comportarsi da mensch, gliela nega, presentando le dimissioni. Tornato a casa per preparare i bagagli e tornarsene in provincia, è raggiunto da Fran, la quale è venuta a conoscenza del suo gesto. I due passeranno il Capodanno assieme.

Immagina in grande!

Partecipa alla realizzazione di una delle più importanti manifestazioni cinematografiche italiane ed europee. Promuovi le attività dell’associazione nel corso dell’anno: proiezioni, rassegne, eventi, laboratori, workshop, percorsi di visione, incontri. Sostieni l’Associazione che porta il cinema internazionale a Bergamo e Bergamo in Europa.
Il tuo aiuto può essere fondamentale: insieme possiamo fare di più!