Uranium Project

Archivio
Archivio
Regia di Stefania Prandi, Alan Gard
Italia / 2011 / 45'

Tra la valle Seriana (provincia di Bergamo) e la Val Vedello (provincia di Sondrio) c’è il più grande giacimento italiano di uranio. Quando fu scoperto, negli anni ’50, l’Agip iniziò subito le esplorazioni, ma la miniera non entrò mai in funzione a causa dell’opposizione degli abitanti dei paesi interessati, fra gli anni ’70 e ’80. Il film racconta la storia di quelle proteste. Nel 2007, quando la società australiana Metex cercò di assicurarsi lo sfruttamento del giacimento, in vista di un possibile ritorno dell’Italia al nucleare, le proteste ricominciarono. / Between the Seriana and the Vedello Valleys, in the area between Bergamo and Sondrio, lies the biggest uranium deposit in Italy. As it was discovered, back in the 1950s, Agip started exploring it, but the local population in the 1970s and 1980s boycotted the mine. The film tells the story of this protest. In 2007, as Australian Metex tried to secure the mine with a view of promoting nuclear facilities in Italy, the protest started again.

Immagina in grande!

Partecipa alla realizzazione di una delle più importanti manifestazioni cinematografiche italiane ed europee. Promuovi le attività dell’associazione nel corso dell’anno: proiezioni, rassegne, eventi, laboratori, workshop, percorsi di visione, incontri. Sostieni l’Associazione che porta il cinema internazionale a Bergamo e Bergamo in Europa.
Il tuo aiuto può essere fondamentale: insieme possiamo fare di più!