guediguian

BFM 2013 - ROBERT GUÉDIGUIAN



Robert Guédiguian, classe 1953, nasce a Marsiglia, nel quartiere chiamato Estaque, da padre armeno e da madre tedesca. L’Estaque è un piccolo porto circondato da fabbriche che è stato dipinto da pittori come Cézanne, Braque, Renoir, Dufy. Il padre lavorava come operaio al porto e aveva avuto una ventina di incidenti sul lavoro, la madre gli aveva insegnato una lingua straniera e il gusto del ricordo, perché soffriva molto di nostalgia per il suo Paese. Il mondo popolare dell’Estaque sarà al centro di molti film del regista francese, che alla metà degli anni Settanta si trasferisce a Parigi, dove inizia a scrivere sceneggiature. Nel 1980 realizza il suo primo film, Dernier été, ambientato nel quartiere di Marsiglia, città che, come dice lo stesso regista, racchiude in sé tutti i problemi del mondo. Già in questo film sono presenti i temi più cari a Guédiguian: il lavoro, la disoccupazione, il denaro, la politica, la famiglia, il gruppo, l’amicizia, il rapporto tra le generazioni. Del 1983 è Rouge Midi, una storia che si svolge in un lungo arco di tempo e che coinvolge tre generazioni di immigrati italiani. Deluso dai risultati dei primi due film, nel 1985 Guédiguian realizza Ki lo sa?, con pochi personaggi e con un budget molto basso; un film mai distribuito ma che segna una svolta nel lavoro del regista francese, che con i successivi Dieu vomit les tièdes, L’argent fait le bonheur, À la vie, à la mort! racconterà una Marsiglia che sta cambiando profondamente, una generazione in crisi, nuovi conflitti e riunirà una squadra di
attori, tra i quali Ariane Ascaride, Gérard Meylan, Jean-Pierre Darroussin, che gli resteranno sempre fedeli e che, a parte un paio di eccezioni, parteciperanno a tutti i successivi film di Guédiguian. La vera consacrazione a livello internazionale avviene nel 1997 con il film Marius et Jeannette (Marius e Jeannette), che riscuote unanimi consensi da parte della critica e un grande successo di pubblico in tutti i paesi nel quali è stato distribuito, compresa l’Italia. Il film è una sorta di favola che racconta il riscatto e la speranza, la dignità e la privazione, senza rinunciare ai toni della commedia. Seguiranno altri dieci film, che parlano del mondo di oggi, dominato dalla finanza e dal pericolo di sopravvivenza per i piccoli, come in À l’attaque! o devastato dalla droga come in La ville est tranquille (2000); ma anche aperto alla felicità di un amore tra due giovani, come À la place du coeur (Al posto del cuore, 1998) o al tormento di una donna per la relazione con due uomini, entrambi amati intensamente, come Marie-Jo et ses 2 amours (Marie-Jo e i suoi due amori, 2002). Guédiguian non disdegna lo sguardo sulla Storia, raccontando la Resistenza francese sotto l’occupazione nazista in L’armée du crime (2009) nelle figure di alcuni giovanissimi partigiani capeggiati dal poeta armeno Manouchine o, in un’epoca a noi più vicina, disegnando il ritratto del Presidente Mitterrand, gravemente ammalato di cancro e ormai prossimo alla morte, in Le promeneur du champ de Mars (Le passeggiate al Campo di Marte, 2005). Passando per un noir teso e aspro come Lady Jane e dopo un ritorno problematico alla terra dei suoi padri, l’Armenia, con Le voyage en Arménie (2006), Guédiguian approda, con il suo ultimo film, Les neiges du Kilimandjaro (Le nevi del Kilimanjaro, 2011), di nuovo alla sua terra d’origine, Marsiglia, dove riunisce al completo la squadra dei suoi attori preferiti e dove torna a parlare di quella “povera gente”, per dirla con Victor
Hugo, che il regista tiene sempre vicina a sé e a cui rivolge il suo affetto e la sua attenzione più genuini.

La rassegna sarà accompagnata da un volume monografico con testi originali, interviste, saggi critici di Angelo Signorelli, Christophe Kantcheff, Nicola Rossello, Roberto Chiesi.

Il regista, sarà ospite del Festival, con Ariane Ascaride, interprete e protagonista di molti dei suoi film.
Venerdì 15 marzo, Guédiguian incontrerà la stampa, e sabato 16 marzo alle ore 10.00 presso il Cinema Capitol, terrà una master class con un gruppo selezionato di studenti e professionali.

L’incontro con il pubblico si terrà sabato 16 marzo alle ore 19.00 presso il Meeting Point di Piazza Libertà.
La personale completa di Robert Guédiguian è realizzata in collaborazione con Agat Films & Cie e Films Distribution.

 

Dernier été di Robert Guédiguian, Francia , 1981

Ki lo sa? di Robert Guédiguian, Francia , 1985

Rouge midi di Robert Guédiguian, Francia , 1985

Dieu vomit les tiédes di Robert Guédiguian, Francia , 1991

L'argent fait le bonheur di Robert Guédiguian, Francia , 1993

A' la vie, A' la mort! di Robert Guédiguian, Francia , 1995

Marius et Jeannette di Robert Guédiguian, Francia , 1997

A' la place du coeur di Robert Guédiguian, Francia , 1998

À l’attaque! di Robert Guédiguian, Francia , 2000

La ville est tranquille di Robert Guédiguian, Francia , 2000

Marie-Jo et ses deux amours di Robert Guédiguian, Francia , 2002

Mon pére est ingénieur di Robert Guédiguian, Francia , 2004

Le promeneur du Champ de Mars di Robert Guédiguian, Francia , 2005

Le voyage en Arménie di Robert Guédiguian, Francia , 2006

Lady Jane di Robert Guédiguian, Francia , 2008

L'armée du crime di Robert Guédiguian, Francia , 2009

Les neiges du Kilimandjaro di Robert Guédiguian, Francia , 2011